user experience: Upane web agency Roma

USER EXPERIENCE

By Elena
In Gennaio 9, 2017

L’internauta è una figura al centro dell’attenzione – giustamente- e che viene viziata ogni giorno sempre un po’ di più. Alla base della user experience, cioè l’orientamento costante al miglioramento dell’esperienza di navigazione dell’utente, vi è la constatazione di una serie di fattori: la presenza sempre più diffusa di internet e quindi dei suoi utenti, la trasformazione continua del web in una sconfinata piazza commerciale e i servizi legati all’utilizzo dei siti web a cui vengono abituati gli utenti.

I tempi, ben lontani dalla fase di alfabetizzazione a internet, sono quelli della concorrenza tra siti web giocata sulla ricerca di un’esperienza ottimale per il visitatore, dove a sovrapporsi sono i diversi livelli di usabilità, estetica e persino stupore. Proprio perché ai siti web è richiesto molto, ci troviamo in un percorso dove la user experience deve guidare dalle fondamenta l’attività di realizzazione di siti, e-commerce, blog e applicazioni mobile.

Non è nemmeno il caso di soffermarci troppo sull’importanza della progettazione mobile responsive per un sito web, cosa che consideriamo assodata. I requisiti principali che guidano la user experience sono sicuramente la velocità di caricamento del sito, la facilità di navigazione al suo interno attraverso menù e sezioni, chiarezza e ordine dei contenuti e degli aspetti grafici, rapidità di espletamento di un servizio, come la ricerca e l’acquisto su un sito e-commerce. L’aspetto estetico e il design non sono meno importanti.

A questi requisiti danno risposta una serie di funzioni largamente utilizzate per una user experience ottimale, che vedranno una crescita nel 2017. La velocità di consultazione e la tecnologia mobile responsive trovano uno strumento adeguato nei siti web a scorrimento verticale, destinati a diffondersi ulteriormente. Oltre ad adattarsi ai device mobili, permettono di presentare tutti i contenuti direttamente scorrendo il testo, con maggiore probabilità che questi vengano letti, motivi per cui si comincerà a progettare un sito direttamente dall’interfaccia mobile e ad immaginare solo secondariamente la navigazione da pc.

I pulsanti dedicati alle cosiddette call to action sono di grande aiuto non solo come guida per l’utente ma anche per incrementare l’attività del sito: sempre più spesso in evidenza, le tendenze in atto proporranno call to action complete di animazioni di alcuni secondi per catturare l’attenzione.

Lo sviluppo della user experience significa anche tener conto del gusto dell’utente, impressionarlo e trattenerlo il più possibile sul sito: le immagini e i video rimangono i protagonisti di questo percorso e il loro impiego aumenterà notevolmente. Una novità è data dalle immagini statiche con elementi in movimento al loro interno (il passo successivo alle gif), ma avranno largo impiego anche siti e-commerce con video di negozi virtuali, camerini virtuali e possibilità di provare i prodotti, in qualche modo. Sempre per quanto riguarda l’e-commerce, un nuovo terreno su cui competere è il servizio di assistenza online all’utente.

La user experience non è affatto un’attività su cui tergiversare, e i motori di ricerca lo sanno bene. Google e Bing penalizzano i siti la cui esperienza di navigazione non è curata e apprezzata dall’utente, dove in altri termini è alta la frequenza di rimbalzo ed è poco il tempo di permanenza sul sito, per non parlare dei contenuti poco interessanti.